Dopo la vittoria nel derby di ieri, oggi vi proponiamo le pagelle del nostro “esperto” mascherato Gabriele Filippi, presente ieri in tribuna al Palagarbari

Il pagellone del nuevo clàsico di Pergine Audax Vs Basket Pergine:

Rizzo voto 7: non la miglior serata per quello che siamo abituati a chiamare MVP o Mat (MadRiz), probabilmente accusa l’assenza della sua spalla PsycoD. Non fa comunque mancare le braccia lunghe e una difesa da Marcus Smart. SEDATO

Roby voto 7-: il nuovo capitano (autoeletto) dell’audax conduce una partita solida nella sua metacampo preferita e non sfigura in difesa, d’esperienza fa capire come si porta a casa un risultato importate. CLAUDIO COLDEBELLA

Rocca voto 7 ½: da quell’enorme massa di NON muscoli ci si aspettava una partita da 20 + 15 con azioni tutte nel colorato, al contrario lo abbiamo visto muoversi con il suo personale aratro spinto da una voglia che non si vedeva dei bei tempi. #saveRocca @daghelaENpost JAVALONE

Diego voto 6 1/5: l’ex calciatore dalle braccia enormi è al suo primo derby e la pressione si vede, schierato in campo da pivot fa valere la massa superiore a qualsiasi altro atleta in campo ma nel tiro, per una sera torna a mettere le scarpette da 6 ai piedi, spara qualche cross a centro area. CAFU’

Bru voto 8: Se Diego porta in campo bicipiti, i polpacci sono tutti da Gubbio. Quello di Sant’Ubaldo è da vedere per tutti i minuti in campo che ha smesso di pensare ai ceri e da quando ha trovato una nuova casa in Trentino. Per lui il derby è una cosa seria, non da vincere, da dominare. THOR

Sbob voto 7 1/2: Il biondo della collina bene di Trento si presenta in campo con il coltello tra i denti come ogni volta che il coach richiede il suo intervento, per lui non ci sono partite più o meno importati, sono tutte da vincere e la ricetta è sempre la stessa difesa e tiro dall’angolo. CAGNACCIO

Luk voto 8 ½: La Snai offriva una buona quota da scommettere sull’audax vincente e lui non beccava una scommessa da mesi, quindi al derby ha smesso di sbuffare e ha ricominciato a giocare sui due lati del campo come sa fare, il risultato una gran partita per il taglio di capelli più brutto del Trentino. #dategliunoschema CASOSNAI

Franz voto 7: Il capriolo salterino parte forte, lascia a casa la voglia di tirare da tre (per fortuna) e torna a fare quello che fa per lui: correre saltare e difendere, se ci aggiunge anche un po’ di concentrazione diventa un bel giocatore. ALPEN ZOO

David voto 8: lo smilzo della bassa Valsugana vede il grande papà ex Audax Air Mario in tribuna e decide di fargli capire che i “geni” sono proprio gli stessi, quelli buoni, quindi mette in atto una bellissima partita in attacco e difesa. KINDER GRANSORPRESA

Melli voto 6 +: il veronese stavolta lascia a casa i dolori al ginocchio per scendere in campo e mostrare un po’ di muscoli, serve togliere un po’ di ruggine ma c’è tempo per lavorare. CARRIOLA

Spissu voto 8: ecco a voi il piccolo ragazzo del sud con un grande talento per la palla a spicchi, nonostante un fisico da cassa malati la sua partita è da incorniciare, porta a spasso la difesa perginese e fa vedere che alle Garbari non si recita nel pieno spirito audace. CLINT EASTWOOD

Danza voto 9: MVP serve aggiungere altro?… al derby l’ex gordo porta in campo tutta la voglia di comandare Pergine tipica di chi vive la rivalità cittadina, ne esce una partita spettacolare coronata da un recupero fortunoso difensivo che se filmato sarebbe l’immagine copertina della serata. Peccato aver dovuto scomodare i mezzi pesanti post infortunio. SANTONI

Coach Ivo voto 7: nel bene e nel male vuole giocare il suo baloncesto senza adattarlo più di tanto alle caratteristiche dell’avversario e stavolta avrà una felicità doppia, non solo la vittoria ma raggiunta con il suo basket cucinando piano piano l’avversario. ASADOR

Società AUDAX voto 10: “La squadra dei boci” cit. da il cattivo esempio anche nella serata più importante della prima parte della stagione con una partita quasi perfetta, comportamento esemplare in campo e sugli spalti per far colorare il comune dei colori giusti, quelli bianco rossi.

Milan voto 4: mai visto uno scout che capisce così poco di una partita e che fa così tante domande. GIOVANE MARMOTTA